Home > Recensioni > Utopia: Ice And Knives
  • Utopia: Ice And Knives

    Utopia

    Loudvision:
    Lettori:

Buone nuove

Di recente il gruppo esordiente Utopia ha dato alla luce il suo primo cd: “Ice And Knives”.
Un lavoro ben organizzato dai suoni e dall’estetica a dir poco ottimi.

Si tratta di un buon prog ispirato dalle maggiori band in circolazione, in particolare i riveriti Dream Theater: ogni traccia è ben calibrata, esaltando al massimo le parti melodiche e danto a tutti il giusto spazio.
Nota caratterizzante di questo lavoro è il timbro di Riccardo Fenaroli che, oltre ad avere una valida pronuncia inglese, ricorda molto la voce di Eric Martin.

Dulcis in fundo, anche se alla posizione 7/12, si trova la notevole cover di “Bad” che, pure stravolta nel sound tinto di prog, mantiene la sua anima pop rivelandosi così un buon esperimento.

Anche per chi non apprezza particolarmente il genere, l’ascolto si è rivelato anche fin troppo piacevole, figuriamoci per gli affezionati.
Inoltre pollice in su per la voce: una sorta di tuffo al cuore, con rimandi nelle prime note a “Learn Into It”, anche se il tutto può traformarsi in un pericoloso accostamento senza vie di fuga.

Pro

Contro

Scroll To Top