Home > Zoom > Vaghe Supposizioni, il nuovo disco di Denis Guerini brano per brano

Vaghe Supposizioni, il nuovo disco di Denis Guerini brano per brano

«Cosa uccide in certi momenti, forse la scarsa chiarezza dei nostri sentimenti». “Vaghe Supposizioni” è il titolo del nuovo album di Denis Guerini, al cui interno troviamo nove tracce. Un disco che affronta tematiche del dubbio in modo ironico, ma allo stesso tempo intimistico.

Si tratta di un disco noir, in cui l’autore come un investigatore, cerca di scoprire il senso della propria storia che, come strada di notte, è illuminata solo per alcuni tratti dai lampioni.

Denis Guerini ci racconta il suo nuovo album “Vaghe Supposizioni”, brano per brano.

La scarpa : mi hanno sempre colpito i luoghi e oggetti abbandonati, poiché suscitano in me il desiderio di dar loro una vita. Come una scarpa che sbuca dal ciglio di una strada nella penombra di una notte qualunque.

Il Max : come si supera una crisi sentimentale? L’amico Massimo la supera così, affidandosi all’oroscopo e a qualche bicchiere di vino per farsi coraggio.

L’esercito di grano : ho giocato per un attimo a quel gioco che fanno solitamente i bambini, modificare la realtà con la magia dell’immaginazione.

L’orgia dell’esplicito : questo brano descrive il dissenso fra le due anime interiori, quella che vorrebbe allinearsi all’etichetta del decoro e della moralità pubblica e l’altra invece, più coerente con le proprie pulsioni, da non mostrare.

La terrazza : lo slancio estatico dell’amore viene raccontato nella sua umanità: l’abbraccio fra il desiderio di lasciarsi andare e la paure ad esso connesse.

Il maestrale : un’ istantanea di una vacanza in sardegna. Grazie agli amici sardi Domenico e Giovanna per aver soddisfatto la mia curiosità sulle tradizioni e usanze tipiche del luogo.

Il merlo e la gazza : il perdersi e il ritrovarsi sono gli elementi di una ricerca sempre aperta,un volo alternato fra valori solidi e le distrazioni di una rincorsa verso l’appagamento edonistico.

Faccia nuova : l’amico Mario, il compagno di classe, il bullo che incontri dopo vent’anni cambiato dagli eventi.

Notte insonne : descrive il momento in cui le vicende del nostro vissuto arrivano a farci compagnia. Smettono di rimanere sospese e pretendono d’essere accolte con l’attenzione che ha una madre quando rimbocca le coperta ai propri figli.

Scroll To Top