Home > Recensioni > Vasco Rossi: Tracks 2 – Inediti & Rarità
  • Vasco Rossi: Tracks 2 – Inediti & Rarità

    Vasco Rossi

    Loudvision:
    Lettori:

Dinosauro in estinzione

Vasco Rossi è sicuramente uno dei personaggi più importanti del panorama musicale della penisola e, volente o nolente, è uno dei più amati dal pubblico: live oceanici, dischi di platino e una laurea honoris causa, fanno del cantautore di Zocca un personaggio quantomeno appariscente. Il suo ritorno, anticipato dal singolo “Ad Ogni Costo”, discussa cover di “Creep” dei Radiohead, avviene a un anno di distanza dal premiatissimo “Il Mondo Che Vorrei”. Il disco in questione, “Tracks 2 – Inediti & Rarità”, è una raccolta che consta di tre brani in studio e di performance live di classici e cover mai edite, la maggior parte delle performance vengono da uno storico live a Roma del 1996, data finale del suo ultimo tour indoor.

Non volendo perdere troppo tempo nel dire quanto sia inutile un’uscita del genere se non per soddisfare i fan più ansiosi e per rimpinguare le casse della EMI passiamo all’aspetto musicale. Se la parte live si salva a tratti con i classici, gli inediti sono decisamente mediocri: “Ad Ogni Costo” non ha lontanamente l’appeal dell’originale grazie anche a un testo poco ispirato e una produzione piatta da singolo all’italiana, le successive sono esattamente sulla stessa linea e danno l’impressione di essere un semplice riempitivo.

Pro

Contro

Scroll To Top