Home > Interviste > Venezia 72 — Xavier Giannoli e Catherine Frot presentano Marguerite

Venezia 72 — Xavier Giannoli e Catherine Frot presentano Marguerite

L’ amara commedia “Marguerite” di Xavier Giannoli con protagonista Catherine Frot, in concorso alla 72esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, è stata oggi presentata in conferenza stampa (qui la nostra recensione).

Iniziata con quaranta minuti di ritardo a causa dell’arrivo di Johnny Depp, che ha creato il panico un po’ ovunque, l’incontro con Giannoli e Frot ha visto porsi interessanti interrogativi sui temi del film.

Da chi ha preso ispirazione?

Xavier Giannoli: La vita di questa donna è ispirato dalla vita Florence Foster Jenkins ma non è un biopic. Volevo parlare di personaggi come Don Chisciotte e Madam Bovary che sognano di essere qualcosa che non sono. Hanno bisogno, come tutti noi, dell’illusione per poter vivere.

All’attrice viene chiesto se secondo lei il personaggio che interpreta fosse consapevole di non essere brava a cantare.

Catherine Frot: Non mi sono chiesta se lo fosse, neanche io mi ascoltavo quando cantavo durante le riprese.

La frase del film “esistere vuol dire insistere” non è un controsenso?

Xavier Giannoli : Esistere significa avere la padronanza di se stessi e insistere per le cose alle quali si tiene. La protagonista vuole condividere la bellezza nonostante sia stonata. Vuole fare colpo sul marito perchè lo ama. Questo è esistere per lei.

Come è stata creata la voce stonata?

Xavier Giannoli: La voce è stata creata al computer in post produzione lavorando sulla voce dell’attrice.

All’attore protagonista André Marcon: cosa lo ha spinto a partecipare al film?

André Marcon: Mi interessava l’evoluzione del marito, che inizialmente si vergogna della moglie e poi scopre che lei è più vera e autentica della realtà intorno a lui e se innamora di nuovo, nonostante sia troppo tardi.

Scroll To Top