Home > In Evidenza > Venezia 77 – In Between Dying

Correlati

In Between Dying”, in Selezione Ufficiale alla 77esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, è l’ultima opera di Hilal Baydarov, giovane regista originario dell’Azerbaigian, che da due anni a questa parte ha già ultimato la bellezza di sette lungometraggi di stampo prevalentemente documentaristico.

La modalità di racconto di Baydarov è decisamente lontana dall’ordinario e dalla consueta accessibilità di gran parte del cinema di largo consumo. Il regista attinge a piene mani dal teatro classico, preferendo inquadrature fatte da campi totali, in piano sequenza, lasciando che i personaggi agiscano il tempo di quell’unica scena, e ce li lascia osservare, per poi passare alla successiva. Il risultato è perciò un’azione suddivisa a episodi, composti da singole lunghe inquadrature.

Il protagonista è Davud (Orkham Iskandarli) che compie un viaggio in fuga da dei sicari e, al contempo, alla ricerca dell’amore puro. E, come un Ulisse caucasico, incontra lungo il cammino una serie di personaggi che lo vivono come un liberatore, con i quali ha dialoghi al limite della lirica.

Ad intervallare le tappe del protagonista, gli assassini sulle sue tracce che commentano le sue inspiegabili gesta, tra loro e al telefono con “il Dottore”, il boss mandante della sua uccisione. Elemento narrativo che richiama immediatamente al coro della tragedia greca.

In Between Dying” non scorre in maniera particolarmente fluida, alterna attimi onirici, senza spiegarsi più di tanto. Lo spettatore è invitato a partecipare, se vuole, ad un racconto antico, ricco di simboli e archetipi. L’uso della morte e i discorsi sull’amore e della sua realizzabilità, sono affrontati con tortuose poesie, inebrianti, soprattutto con l’accompagnamento degli sfondi di paesaggi umidi e fangosi.

Hilal Baydarov non cerca, dunque, l’approvazione del pubblico, ma è il pubblico ad essere posto davanti alla declamazione di un racconto rurale, immerso nella nebbia di quei luoghi apparentemente abbandonati, ma, al contrario, intrisi di vita.

Pro

Contro

Scroll To Top