Home > Report Live > Venghino signori, venghino…

Venghino signori, venghino…

“Venghino signori venghino in questa bellissima plaza, l’incredibile spectaculo dei Tre Allegri Ragazzi Morti. Tre Allegri Ragazzi Morti suoneranno, canteranno e balleranno per voi l’incredibile spectaculo de la vida, l’incredibile spectaculo de la muerte”

Il pubblico li acclama ed eccoli uscire sul piccolo palco del Magnolia a Milano: Davide Toffolo (voce e chitarra), Enrico Molteni (basso) e Luca Masseroni (batteria)
Ad aspettarli tanti adolescenti, ma anche chi l’adolescenza l’ha superata da un pezzo. Numerose sono le maschere, emblema della band, appena comprate all’ingresso o cimelio di concerti passati.

I TARM aprono il concerto con il nuovo progetto dalla sonorità marcatamente reggae: “Primitivi Del Futuro”. Nella prima parte propongono in successione tutte le nuove canzoni, iniziando dal singolo “Puoi Dirlo A Tutti”, continuando con “La Ballata Delle Ossa”, “La Cattedrale di Palermo”, “Mina”, “Codalunga” e “So che presto finirà”. I fans più attenti conoscono già perfettamente le nuove canzoni e quindi cantano e ballano con loro.

Nella seconda parte dello spettacolo invece vengono proposte le canzoni storiche, quali “Mai Come Voi”, “Ogni Adolescenza”, “Occhi Bassi”, “Il Mondo Prima”, “Quindici Anni Già”: qui il pubblico si scatena.
I Tarm finiscono di suonare, salutano ed escono di scena ma il pubblico a grande richiesta li fa tornare sul palco.
Davide Toffolo, nonostante i problemi di salute, decide di andare avanti suonando altri due brani e concludendo con il bis di “Puoi Dirlo A Tutti”.
Il concerto termina, dopo quasi due ore, verso l’una. Il pubblico soddisfatto dell’esibizione torna a casa canticchiando: “…puoi dirlo a tutti che sono stato io a farti un occhio nero con la matita blu…”

Scroll To Top