Home > Recensioni > Verbal: Called War
  • Verbal: Called War

    !K7 Records / 2roads

    Data di uscita: 15-04-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Hanno suoni maturi e qualcosa da dire: sono i Verbal, gruppo bergamasco arrivato al secondo lavoro, l’ep “Called War”. La loro musica strumentale ci parla, entra in contatto con noi, ed infine invia un messaggio al nostro cervello: il tema della guerra, che si dipana durante le 4 tracce dell’ep, ci piomba addosso oscuro e potente allo stesso tempo, un misto tra grandezza e malattia, la doppia istanza di un fenomeno umano così complesso. E allo stesso modo la loro musica, un’alternanza tra tensione e distensione, tra implosione ed esplosione, tra ritmiche contrastanti, attraverso un’iterazione incessante di un’immagine. Questo è il linguaggio con cui i Verbal si esprimono, e non hanno bisogno di altro per farsi comprendere.

La chiamata alle armi della prima traccia ha un qualcosa di grandioso, invincibile. C’è un cantato, ma sembra quasi un abbaiare di un cane, un urlo, forse un urlo motivazionale. Ma i brani che seguono diventano più vulnerabili, il disarmo è vicino, la dissonanza fa da padrona, il ritmo serrato e morboso si intervalla ad un sentimento di rassegnazione fin quasi al silenzio, come in “Disarmer”, una canzone silente fatta di sbuffi elettronici, una batteria leggera, una voce lontana, una sorta di ninna nanna militare.

Pro

Contro

Scroll To Top