Home > Recensioni > Veronica & The Red Wine Serenaders: The Mexican Dress.
  • Veronica & The Red Wine Serenaders: The Mexican Dress.

    Autoprodotto / audioglobe

    Data di uscita: 23-06-2014

    Loudvision:
    Lettori:

A leggerne il nome si potrebbe finire col pensare che Veronica & The Red Wine Serenaders siano una formazione proveniente da qualche piccola città degli USA; ad ascoltarli, la conferma della loro americanità è quasi palese e si è tentatissimi ad essere in pace e sereni con sé stessi perché non possono che essere statunitensi, quelli che suonano e cantano.

E invece. “The Mexican Dress” dimostra che anche gli italiani, se ci mettono impegno e costanza, più una grande dose di carica espressiva e voglia di divertirsi nel mentre del mestiere- chi dice che fare il musicista equivale a fancazzismo, spiace, ma non ha capito granché della vita-, sono in grado di forgiare con mano dei capolavoretti. In questo caso si tratta di capolavoretti che mischiano motown, swing, jazz, country, folk e chi più ne ha più ne metta, l’importante è essere scaraventati in qualche afosa regione del Sud degli States.

Oltre a pezzi originali della formazione, scritti dai polistrumentisti Veronica e Max, quali l’apertura “The Mexican Dress” e la ballad “Crying Time”, vi sono numerosi omaggi a band storiche dei primi anni del Novecento: “Shine On Harvest Moon”, “Caught Us Doin’ It” (consigliata fortemente) e persino “Banana in your fruitbasket” di Bo Carter.

Un tuffo che immerge l’ascoltatore nelle profondità nascoste di una musica vintage sì, ma che non passa mai di moda e anzi, continua a nutrire le generazioni. 

Pro

Contro

Scroll To Top