Home > Recensioni > Vic Du Monte’s Persona Non Grata/Re Dinamite: Split Connection Vol. 1

Ritorno al vinile parte prima

La Go Down Records inaugura un gradevole progetto denominato “Split Connection” la cui peculiarità sta nel raggruppare ogni volta alcune canzoni di due band in un unico LP vinilico in edizione limitata. L’idea è effettivamente carina nel suo voler recuperare un animo indie che aveva un certo successo nell’underground degli anni ’80 e ’90.
La prima uscita vede confrontarsi i Vic Du Monte’s Persona Non Grata da Los Angeles e gli italiani Re Dinamite.

La band losangelina occupa la prima facciata con cinque tracce votate ad un indie rock n’roll minimale, ricordando talvolta gli Stooges, talvolta addirittura Chris Isaak o Tito And The Tarantula quando le atmosfere si fanno più intimiste. Gradita sorpresa è la presenza dietro le pelli del sottovalutato Alfredo Hernandez, battterista dei Kyuss all’epoca del favoloso “…And The Circus Leaves Town” nonché del primo album dei Queens Of The Stone Age. Ciò che meno convince nella proposta della band è la voce di Vic Du Monte’s, debitrice al 100% di certo punk/hardcore e pertanto ben poco dotata dal punto di vista esecutivo. Questo la rende leggermente fuori tema all’interno di una band rock n’ roll.

Molto meglio ciò che propongono i veneti Re Dinamite nell’altra facciata del disco (che effetto parlare in termini di LP e facciate!). L’energico rock n’ roll low-fi che scaturisce dalle quattro canzoni della band si mescola gradevolmente con ritmiche influenzate dallo stoner donando al tutto un bel groove trascinante. “Dirty Slow” fa tesoro di questi influssi sprigionando un piacevole mix di ritmiche quasi psichedeliche à la primi Soundgarden con un cantato trascinato alla John Garcia, permettendo alla band di aggiudicarsi questo primo round sonoro promosso dall’etichetta italiana.

Ecco un prodotto che più underground ed indie di così non si può. Due band registrate in modo molto raw e spoglio di qualunque abbellimento, edizione limitata (ed aggiungerei anche coraggiosa) esclusivamente in vinile, confezione minimale.
Bella iniziativa.

Pro

Contro

Scroll To Top