Home > Recensioni > Virgin Steele: The Marriage Of Heaven And Hell – Part One
  • Virgin Steele: The Marriage Of Heaven And Hell – Part One

    Virgin Steele

    Loudvision:
    Lettori:

Rinascita

I primi anni ’90 registrarono il punto più basso della carriera dei Virgin Steele: all’ottimo ma sfortunato “Age Of Consent” seguì nel 1992 la pecora nera dell’intera discografia, il bistrattato “Life Among The Ruins”. Era dunque necessaria una ripresa, e non c’è alcun dubbio sul fatto che si sia verificata subito e in grande stile: con il doppio album dedicato al Matrimonio tra Paradiso e Inferno, infatti, comincia una continua ascesa all’insegna del metal sinfonico, dei temi storico-mitologici e della stabilità in seno alla band.
Non è immediato unificare i due dischi in una sola entità musicale, non fosse per il ricorrere del tema che farà da filo conduttore anche nello straordinario “Invictus” (1998): il primo capitolo si presenta ancora a tratti legato al piglio grezzo e alle tematiche classiche del rock da strada, parlano per tutte “I Will Come For You”, con le sue chitarre corpose, e “Blood And Gasoline”, evidente fin dal titolo. Il resto delle tracce continua incece con lo sviluppo dei caratteri musicali che fin dall’inizio hanno contraddistinto le opere di David DeFeis al fianco dell’heavy metal più classico, ossia gli inserti sinfonici, il lavoro di tastiere, l’epicità e la magniloquenza di un sound che coniuga alla perfezione grandeur e potenza, restando nel contempo quanto più lontano possibile dall’essere complicato o barocco. Un fenomeno più unico che raro, così come lo è la voce di “The Lion” DeFeis, assolutamente inconfondibile e inimitabile nel coniugare la teatrale espressività che tutte le composizioni dei Virgin Steele richiedono a un’aggressività esplosiva in grado di trascinare qualunque pezzo.
Le ultime tracce dell’anima rock dei Virgin Steele svaniranno dopo questo disco per lasciare campo aperto all’epica sinfonia che imperverserà negli anni a seguire, si tratta dunque di un ricordo da tenere da conto.

Scroll To Top