Home > Recensioni > Virtual Time: From The Roots To a Folded Sky
  • Virtual Time: From The Roots To a Folded Sky

    Go Down Records / none

    Data di uscita: 28-04-2018

    Loudvision:
    Lettori:

“From The Roots To A Folded Sky”: è questo il titolo del nuovo lavoro dei Virtual Time, pubblicato il 28 aprile per GoDown Records.

Non è questo un semplice concept album: è il primo di cinque capitoli (che verranno pubblicati entro un anno). Cinque capitoli, quindi, ma un unico scopo: rappresentare chi sono i Virtual Time a questo punto del loro percorso artistico.

Emblematico il titolo: la band vuole arrivare fino al cielo? Sì, ma sempre partendo dalle sue radici, da cui potrà allontanarsi, ma senza staccarsi mai. Non a caso le sonorità rock anni ’70 che dal 2012 (anno dell’inizio della loro carriera) ad oggi hanno sempre caratterizzato i Virtual Time tornano anche in questo lavoro. Ma qui non sono le uniche protagoniste: la band ha voluto sperimentare. E così troviamo anche alcune ballad (come la prima traccia “Charmed”) ed anche brani di stampo folk (“Folded Sky”). E per restare sempre con un piede nel passato, viene riesumato anche un brano scritto tre anni fa, “Down And Cry”.

“From The Roots To A Folded Sky” è, quindi, il punto di congiunzione tra il passato ed il futuro dei Virtual Time. Segna il loro cambiamento, l’evoluzione del loro sound.
Cosa c’è da aspettarsi dagli altri quattro capitoli? Senza anticipare troppo, basti sapere che ognuno avrà una diversa impronta, nessuno sarà uguale all’altro.
Si staccherà definitivamente la band dal suo passato? Chi vivrà vedrà (ed ascolterà).

 

Pro

Contro

Scroll To Top