Home > Recensioni > VonDatty: Madrigali
  • VonDatty: Madrigali

    Autoprodotto / Self

    Data di uscita: 13-11-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

“Madrigali” è il disco d’esordio del cantautore romano VonDatty. Dopo la pubblicazione del primo Ep “Diavolerie” nel 2012, il nuovo “Madrigali” rappresenta il secondo capitolo di una trilogia intitolata “Trilogia della Notte”.

Disco scritto e prodotto dallo stesso VonDatty tra Roma e Tivoli, costituisce un viaggio onirico e surreale, attraverso storie e stati d’animo personali. Ad accompagnarlo in questo viaggio ci sono musicisti provenienti da esperienze diverse, tra cui Giorgio Baldi (chitarrista di Gazzè) nel brano “L’Ingranaggio” e Tommaso di Giulio nel brano “Maschere d’Inchiostro Nero”.

Dieci tracce per dieci storie differenti. Le sonorità spaziano tra stili diversi, rimanendo però sempre legate tra loro dalla bellezza delle parole. I dolcissimi arpeggi della chitarra, che rincorrono il suono del sax in “Il Gioco delle Ombre”. La chitarra distorta, che abbraccia il synt in “Il Generale Inverno”. Passaggi e contrasti che spiazzano e disorientano.

“Dal Tramonto All’Alba” è il brano che chiude il disco. Un brano in acustico, che suona come un vecchio disco polveroso. Ci sono rumori esterni, una sedia che si sposta e tanta semplicità: “Nell’ombra io ti canterò, dal tramonto all’alba”.

Un disco molto interessante, che come suggerisce il titolo “Madrigali”, rappresenta una piccola ricerca dentro se stessi e il tentativo di mettere a nudo i propri sentimenti.

 

Pro

Contro

Scroll To Top