Home > Rubriche > Piccolo Schermo > Walter White: Cancro, Chimica & Contanti

Walter White: Cancro, Chimica & Contanti

E inizia oggi una nuova favolosa rubrica sui lidi di Loudvision! Avete mai sognato di essere o diventare uno dei protagonisti dei vostri serial preferiti? Ecco, prendetevi cinque minuti che da questa settimana in poi potrete farlo coi consigli del nostro sito. Si parte con Walter White, vedi alla voce “Breaking Bad“, scelto a insindacabile e democraticissimo giudizio di chi vi scrive dopo ore di consulto con se stesso.

Ora detto tra me e voi, sottovoce, prima di partire: vi conviene? Non è che fate un buon affare. Il serial non è neanche iniziato che già al nostro Walter, padre di famiglia con figlio adolescente e secondo bebè in arrivo, viene diagnosticato un cancro ai polmoni inoperabile, con un’aspettativa di vita abbastanza misera. La cosa vi fa particolarmente girare il boccino? Aspettate che vi aggiungo il meglio: non avete mai fumato! Avreste una santissima ragione di coltivare una sincera rabbia fumante, ma allora, ve lo dico subito: non siete tagliati per essere Walter White, perché Walter White sapete la prima cosa che pensa qual è? Non: oh santo cielo ora schiatto e non vedrò i miei nipoti, dovrò lasciare la mia famiglia, ho paura di morire, dopo cosa c’è, e via discorrendo (riempite voi con le paure che più vi aggradano a seconda della vostra personale sensibilità e/o credo religioso). No lui ragiona freddamente e si dice: come posso utilizzare il tempo che mi rimane per tirare su quanti più soldi possibili per la mia famiglia? E si risponde pure: mi butto nel settore della droga.

Avete metabolizzato la questione cancro inoperabile e avete fatto spallucce? Benissimo. Attenti però che arriva la prossima tegola. Non sarà il muro di Berlino targato cancro inoperabile ma resta sempre una bel mattone in piena fronte. Avete dimestichezza con la chimica? Siete di quelli che a scuola di fronte alla lavagna imbrattata di N, CO, Br, Ba, legami di valenza e reazioni spalancavano la bocca mentre i bulbi oculari si spiaccicavano sul muro con effetto cartoon? Tranquilli, non siete soli. Ma vi devo avvisare che difficilmente potrete essere Walter White, perché nel campo lui è un mammasantissima (in tutti i sensi del termine). Non esultate se riuscite a scrivere il simbolo letterale del Bario o la molecola dell’ossigeno. Non basta. Per sviluppare l’alter ego Eisenberg dovete essere il migliore.
[PAGEBREAK] Da qui deriva l’altro elemento. Nervi d’acciaio. Una assoluta fiducia nella scienza capace di velare anche il dilemma morale. Vi preoccuperete solo della chimica, di produrre i migliori cristalli di meth sul mercato, innalzando tra voi e la fine di questa catena economica un’omertosa censura. Perché altrimenti la vedo dura per voi poggiare il capo sul cuscino la sera e dormire tranquilli pensando che il vostro sudato lavoro (anche se ben pagato, più che ben pagato, una pioggia di dollari per voi) sta facendo già le sue vittime tra la popolazione della città.

Da un punto di vista relazionale dovreste avere un cognato che lavora nella DEA, ma in effetti, voleste farne a meno vi capirei benissimo, anche se mi si viene poi a incrinare un po’ il conflitto narrativo, voi capite. Quello di cui non potrete fare a meno però è un assistente. Meglio se giovane, meglio se vostro ex studente, così potrete esercitare un minimo di superiorità su di lui, visto che il vostro ex studente ora è anche un piccolo spacciatore. Sapete com’è, dovete evitare che la roba che producete se la fumi tutta, vi serve qualcuno che abbia già un piede nel giro, anche mezzo mignolo, perché voi, in fondo, che ne sapete di droga, smercio, spaccio, che ne sapete da chi andare a venderla? Dove e come piazzarla? No l’assistente vi ci vuole. E in più una moglie bella e intelligente. Ecco, frenate subito i bollenti spiriti. Sklyer vi darà del filo – spinato – da mangiare, perché le donne forti poi possono pure reagire male all’idea che voi fate lo spacciatore in grande stile (diciamo la verità: pure quelle deboli). Ma Skyler potrebbe tornarvi utile, anche perché lavora nel settore legale-finanziario.

E veniamo così all’ultimo elemento. Il più facile. Dopo che avrete ottenuto i quattro punti di cui sopra non vi si può chiedere altro. Il look. Niente di più semplice. Walt predilige la rasatura completa del cranio, indossa camicie, a volte a righe più spesso tinta unita, sempre perfettamente stirate, comodi pantaloni, tutto preferibilmente color terra, cappello per le escursioni da Heisenberg che poi vi resterà incollato perché vi garba. Una casa con piscina (qui vi va bene, su) e come auto una di quelle spaziose famigliari, quasi un mini-pulmino. Tranquilli, al camper per “cucinare” provvederà il vostro assistente.

Avete tutto? Siete pronti a “cucinare” metanfetamine.

Scroll To Top