Home > Recensioni > We Have Band: WHB

London loves

Dediti a una musica danzereccia e groovy con una discreta componente chitarro-bassistica, i londinesi We Have Band arrivano al debutto in studio forti di una collaborazione nell’ultimo disco di remix dei Bloc Party, band che sicuramente rappresenta un punto di riferimento per i nostri.
Per essere un disco fondamentalmente ballabile “WHB” ha infatti dei suoni molto morbidi e cupi, reminiscenti in parte di alcuni episodi di “Silent Alarm” e “A Weekend In The City”, ma soprattutto del disco dei The XX che, a circa un anno dall’uscita, sembra abbia già cominciato a fare scuola.
Da sottolineare il potenziale radiofonico del singolo (non è stato estratto davvero, ma dovrebbe)”Centerfolds And Empty Screens”.

“WHB” è un disco piacevole, che si ascolta senza fatica, dignitosamente groovy, onestamente catchy e quant’altro, ma è privo di mordente, di un qualcosa che si imponga con forza alle orecchie dell’ascoltatore. Per cui stavolta passano, sono debuttanti del resto, ma dovranno svelarci qualche asso nella manica in futuro per non essere risucchiati nell’anonimato.

Pro

Contro

Scroll To Top