Home > Recensioni > Weezer: Hurley
  • Weezer: Hurley

    Weezer

    Data di uscita: 14-09-2010

    Loudvision:
    Lettori:

Smanie di pubblicazione

Dieci mesi separano “Hurley” da “Raditude”; un periodo breve ma piuttosto intenso per la band.
In questo lasso di tempo ci sono stati due proclami: il gruppo avrebbe fatto uscire il disco a tutti i costi nonostante i problemi di etichetta, ed il sound sarebbe tornato più grezzo e tendente all’alt-rock.

Se il primo è stato mantenuto – la band ha firmato per la Epitaph – sul secondo rimane qualche dubbio in più: pur presentando sfaccettature più rock del precedente, i riffoni e i sintetizzatori onnipresenti continuano a far pendere la bilancia dalla parte del power-pop.
Doverosa invece una citazione per il songwriting che si distingue ancora una volta. I testi in pieno stile Weezer sono spesso surreali, da “Smart Girls” al nonsense di “Where’s My Sex”.

L’album presenta tracce orecchiabilissime che arrivano dirette all’ascoltatore: semplici, leggere, festose.
Belle canzoncine insomma, ma pur sempre canzoncine, che rischiano di finire a prender polvere troppo presto a causa di una serie di uscite parallele imminenti per la band: “Death To False Metal” e la ristampa di “Pinkerton” in edizione deluxe (uscite previste per il prossimo 2 novembre), “The Pinkerton Years” e un prossimo album su cui i Weezer stanno già lavorando!

Pro

Contro

Scroll To Top