Home > Recensioni > Whitesnake: Live At Donington 1990
  • Whitesnake: Live At Donington 1990

    Whitesnake

    Data di uscita: 06-03-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Run for cover(dale)

Sull’onda del rinnovato entusiasmo che l’uscita di “Forevermore” ha risvegliato nei confronti dei suoi Whitesnake, David Coverdale ha finalmente deciso di benedire con i crismi dell’ufficialità la registrazione dello show con cui la band concluse trionfalmente il Monsters Of Rock targato 1990 in quel di Castle Donington, rendendola finalmente disponibile a tutti quanti l’aspettavano da più di 20 anni.

Nonostante l’ampia disponibilità di registrazioni non ufficiali, infatti, il concerto in questione risulta tra i più gettonati nelle richieste dei fans, a cui oggi non resta che l’imbarazzo della scelta in fase d’acquisto, potendo scegliere tra le varie opzioni audio e video (e relative combinazioni) rese disponibili sul mercato.

Qualche vecchio nostalgico potrebbe tediarvi per ore sottolineando che in questi Whitesnake il rapporto tra il volume dei capelli e l’anelito blues degli esordi è purtroppo inversamente proporzionale, oppure recriminando il vil mercimonio che portò Coverdale a svendere l’Union Jack per una manciata di stelle e di strisce, o più semplicemente constatando che per quanto bene gli si possa volere, Steve Vai stava al serpente bianco grosso modo quanto i cavoli stanno alla merenda.

Voi fregatevene, premete il tasto play e godetevi lo spettacolo. Fate poi una breve pausa di riflessione sullo stato della musica odierna, e ritenetevi autorizzati a mandarli tutti a quel paese.

Pro

Contro

Scroll To Top