Home > Recensioni > Wigelius: Reinventions
  • Wigelius: Reinventions

    Wigelius

    Data di uscita: 29-06-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Una sorpresa vecchia di 3o anni

Anche in Svezia ci sono i talent show e, se il produttore Daniel Flores decide di puntare su un ragazzo svezzato dal tubo catodico, ci sono buone possibilità di un nuovo pasto caldo per gli aoriani di tutto il globo.
E così Anders Wigelius, top singer in un reality scandinavo, è diventato, col beneplacito della nostrana Frontiers, il frontman dei Wigelius.
Il conseguente esordio riporta a Journey, Toto, Foreigner e si assesta su un rock melodico che gli anni ottanta avrebbero accolto sul red carpet.
I 12 brani non hanno un abito nuovo ma indossano quegli accessori che definiscono uno stile e che comunque vestono bene.

“Reinventions” è un album per gli appassionati del genere. Al bando i tentativi di dare un taglio diverso al cofanetto AOR, piaccia o no, la forza ma anche il difetto di questo comparto rock sta nell’essere sempre uguale a se stesso. Perciò ben venga la produzione curata, anche se non impeccabile, le melodie ruffiane ed efficacissime e il talento di Anders Wigelius. Per tutti questi motivi, siamo di fronte a una bella sorpresa, anche se vecchia di 30 anni.

Pro

Contro

Scroll To Top