Home > Recensioni > Winter Haze: The Storm Within
  • Winter Haze: The Storm Within

    Winter Haze

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Ha le potenzialità, ma…

Partendo dal presupposto che hanno scelto un genere parecchio inflazionato, diciamo subito che i Winter Haze potevano fare di più.

Accanto a una buona tecnica strumentale e a una voce bene impostata (anche se non brilla sempre: anche qui, potrebbe fare molto di più), la pecca più grande sta nella mancanza di originalità. Scontati i paragoni con gruppi come i Nightwish, ma quello che manca più di ogni altra cosa è qualche idea propria che li differenzi maggiormente dai nomi ben più conosciuti.

Non è un brutto disco, anzi, si ascolta volentieri, ma per quanto ci siano brani davvero ben fatti permane la fastidiosa sensazione di già sentito. Sarà sicuramente apprezzato dagli appassionati, soprattutto per quella vena gothic che smorza la tendenza decisamente power di tutto l’album.

Pro

Contro

Scroll To Top