Home > Recensioni > Withered: Memento Mori
  • Withered: Memento Mori

    Withered

    Loudvision:
    Lettori:

Tuffo nel passato

Ricordati che devi morire. Se questo non è menare rogna. Scherzi e superstizione a parte, ecco il titolo del debut album di questa band americana, Atlanta per la precisione, nata solamente un paio di anni fa e dedita al più classico degli stilemi Death. Metal di quello marcio, deragliante, che macina riff granitici prendendo a prestito partiture di Unleashed, Dismember ed Entombed “Left Hand Path” era. Se non fosse per la release date impressa sulla cover di questo promo album, avrei giurato di essere di fronte ad un lavoro per qualche motivo andato perduto e solo ora affiorato da qualche polveroso scaffale dopo essere stato in attesa per oltre una decade. Growls profondi, batteria schiacciasassi e un ottimo lavoro di chitarre donano a questo “Memento Mori” un tocco molto personale non limitandosi a seguire alla lettera i dettami del genere ma cerca una commistione con strutture e passaggi meno datati. Sette song per una durata complessiva di trentasei minuti che segnano un tuffo negli anni ’90 dunque, che farà la gioia di chi sogna ancora le gesta delle gloriose bands in questione e ha voglia di spaccarsi il collo con l’headbanging più sfrenato.

Scroll To Top