Home > Recensioni > The Wolf of Wall Street
  • The Wolf of Wall Street

    Diretto da Martin Scorsese

    Data di uscita: 23-01-2014

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Il Lupo del titolo è Jordan Belfort (Leonardo DiCaprio), giovane e rampante broker appena giunto a Wall Street e subito infettato dalla bramosia di ricchezza che pervade il mondo della finanza in un’epoca in cui sembra non ci siano regole, un far west moderno dove solo un personaggio selvaggio e senza scrupoli può prosperare. Il suo acume e incredibili quantità di droga permetteranno a Jordan di diventare quella «sorta di Robin Hood, che ruba ai ricchi per dare a se stesso».

Baker esiste davvero, ed è con candore che ha raccontato ogni dettaglio della sua ascesa e caduta in un libro, trasformato in un’ottima sceneggiatura da Terence Winter (“I Soprano, “Boardwalk Empire”), cui si devono dei dialoghi brillanti e un irresistibile humor corrosivo.

Leonardo DiCaprio ha lottato per realizzare “The Wolf of Wall Street” e ha preteso che a dirigerlo fosse l’amico Martin Scorsese, col quale collabora da quattordici anni e cinque film. Quei film che hanno mostrato un attore incredibilmente dotato e puntualmente privato della Statuetta. Il suo Lupo di Wall Street non può subire la stessa sorte.

Scorsese trascina lo spettatore in un mondo folle, orgiastico e senza limiti, e lo fa ad un ritmo incalzante, sottolineato da azzeccatissime voci fuori campo e successi da jukebox; alterna scene corali dove Baker domina le folle fomentandole con discorsi infuocati a quelle più intime ma altrettanto eccessive della sua vita personale, dipingendo un personaggio e un mondo segnati da alcol, droga ed euforica sregolatezza.
DiCaprio sovrasta un cast di tutto rispetto, che conferma le doti drammatiche di Jonah Hill, presenta la seducente Margot Robbie, ci dà un assaggio niente male di Cristin Milioti, ripropone un sempre piacevole Dujardin ma soprattutto ci regala pochi minuti di McConaughey che già sono un cult.

Pro

Contro

Scroll To Top