Home > Recensioni > Words And Action: Life Of Farewells

Giovani e cattivi

Prendete due ragazzi giovani, prendete poi una città come Alessandria e aggiungete una macchia di inchiostro nero che si sparge a macchia d’olio sul tutto: ecco fatto! Loro sono i Words and Action e il loro EP di debutto si chiama “Life Of Farewells”.

Questo loro inizio segna una linea di congiunzione tra il dark anni ’80 dei Cure o dei Bauhaus e la nuova darkwave di Be Forest e Soviet Soviet.

Sono 4 brani di drum machine, voci cupe e cantilenate e suoni che sembrano provenire dall’oltretomba.

Per un certo periodo abbiamo temuto di dover ascoltare a vita “Fear Cult” perché nella nostra testa si rievocasse il sentimento sporco e condannabile di chi ama la musica di questo tipo. Invece ora arrivano i Words and Action che ci fanno provare stati di ipnosi già dal primo ascolto.

Allora noi entriamo in trance e ascoltiamo l’EP tutto d’un fiato viaggiando in bianco e nero su cieli verdi come la speranza che tutto continui più intensamente.

Loro si che sono dannatamente dark!

Pro

Contro

Scroll To Top