Home > Recensioni > Work Of Art: In Progress
  • Work Of Art: In Progress

    Work Of Art

    Data di uscita: 26-08-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Due su due

Non poteva non avere un seguito il riuscitissimo “Artwork”, esordio di una band della fredda Svezia, così vicina invece al sole di L.A. I Work Of Art, infatti, hanno ripreso il concetto di AOR classico dei primi anni ’80, quello conosciuto con gli Airplay, tanto per citare un must, ma nello stesso tempo lo hanno coniugato con l’hard rock melodico dei Toto e dei Survivor.

Lars Safsund, mastermind e vocalist del trio, ha un approccio da rocker. Nello stesso tempo riesce a intavolare melodie avvolgenti e immediate (con qualche calo, però, sui testi). Così come era stato nel 2008, l’album è una perla, perfetto nel songwriting e nella produzione. I richiami ai giganti del genere non tolgono originalità al prodotto finale.

Due capolavori su due. I grandi numeri non contano: bastano un paio di album per segnare una leggenda. E questa, negli ultimi cinque anni, ha il nome dei Work Of Art. Album come questi, prima del digitale, venivano conservati con la plastica sopra il vinile, spolverati di continuo ed esibiti agli amici collezionisti. Oggi ne parliamo invece come dodici file che devono necessariamente essere presenti in tutti gli hard disk.

Pro

Contro

Scroll To Top