Home > Recensioni > Yellowcard: Lights And Sounds
  • Yellowcard: Lights And Sounds

    Yellowcard

    Data di uscita: 21-02-2006

    Loudvision:
    Lettori:

Vendibilità punk

Gli Yellowcard si sono trovati ad aver a che fare con l’ingombrante eredità lasciata dal precedente “Ocean Avenue”: più di due milioni di copie vendute, un MTV Video Music Award, doppio disco di platino e ben tre singoli in classifica… Sarebbe stata dura per chiunque. Ma non per Ryan Key e Soci, al momento impegnati a sorprendere pubblico ed addetti ai lavori con quest’ottimo “Lights And Sounds”, lavoro caratterizzato da sonorità chiaroscurali tanto lontane quanto emotivamente coerenti ed intellettualmente intonate.
Questo caleidoscospico punkrock melodico, può dirsi forte non soltanto di quell’orecchiabilità commerciale che, senz’altro, rende anche questo terzo full, almeno potenzialmete, altrettanto vendibile; ma anche, d’un’originalità innovativa e coraggiosa, quella stessa che, ad esempio, sin dagli esordi ha spinto gli Yellowcard ad avvalersi d’uno strumento tanto atipico per il genere quale il violino, quando non addirittura d’un’orchestra di venticinque elementi, come nel caso dell’eufonica “How I Go”. Ma il fatto di non aver assolutamente a che fare con idee precostituite, viene sin da “Three Flights Up”, intro strumentale, subodorato, essendo stati in questa impegnati pianoforte ed orchestrazioni ariosi e toccanti. Ed ancora, dall’essersi avvalsi dell’illustre collaborazione di Ben Harper, del tutto estraneo alla proposta ed autore, tra l’altro, dell’emozionante “City Of Devils”, ballata dalle malinconiche atmosfere. Melodie profonde e solide, anche laddove è l’anima prettamente punk a scatenarsi; quello spirito graffiante e duro con cui, una tra le tante, la titletrack prende gusto ad urlarci addosso. Armonizzazioni vocali, arrangiamenti strumentali ed una produzione compatta, nitida e sostenuta, lì a puntino a costringerci a celebrarne, tra l’altro, l’evidente professionalità.
Che aggiungere ancora? Forse, che all’onestà artistica degli Yellowcard, indubitabile tanto quanto i loro gusto e talento, vanno date molte, moltissime possibilità.

Scroll To Top