Home > Recensioni > YOOP: Take Shelter
  • YOOP: Take Shelter

    Transient / none

    Data di uscita: 03-11-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

E’ uscito il 3 novembre per Transient “Take Shelter“, il primo disco full-length degli YOOP, il duo vicentino composto dal compositore e produttore Luca Sammartin e della cantautrice Valentina Sicco.
Gli anni 80’ chiamano già da un po’ e dall’Italia rispondono gli YOOP. E rispondono con le 11 tracce synthpop di atmosfere sognanti con sfumature dark. Si sente benissimo quali sono i loro riferimenti musicali, anche un po’ troppo.
Alcune delle composizioni come The Ruins o Cube le conosciamo già dall’EP Breathe In, uscito all’inizio del 2017 ma ci sembra addiritura di averle già sentite anche prima. Si sente che gli YOOP sono follemente innamorati di My Bloody Valentine, che hanno ascoltato tutta la scena new wave britannica e non gli sono sconosciute neanche le sonorità shoegaze. Il problema sta nel fatto che queste isperazioni sono fin troppo evidenti. Nel cantato di Valentina Sicco si sente a tratti l’ombra di Elizabeth Fraser (Cocteau Twins) o Kazu Makino (Blonde Redhead), l’inizio di Quazar invece fa venire in mente l’intro di What’s a Girl to Do? di Bat For Lashes.
Al duo italiano dobbiamo i giusti meriti: tutti i brani di Take Shelter sono delle composizioni di qualità. Unica pecca, forse, che gli YOOP non siano ancora riusciti a trovare la loro personalità, ma siamo convinti che ciò accadrà presto.

 

Tracklist:
1.    Blow
2.    Rainbow
3.    Loose Cannon
4.    Seesaw
5.    Staircase
6.    Locked
7.    Cube
8.    Quazar
9.    The Ruins
10.    TWBB
11.    Take Shelter

Pro

Contro

Scroll To Top