Home > Zoom > Youth – La giovinezza: i Golden Globe e la corsa agli Oscar

Youth – La giovinezza: i Golden Globe e la corsa agli Oscar

L’HFPA, l’associazione della stampa estera a Hollywood, ha annunciato oggi le nomination alla 73a edizione dei Golden Globes (qui la nostra news).

L’Italia non ha centrato la nomination nella categoria dei migliori film in lingua straniera, dove quest’anno avevamo concorrenti oggettivamente deboli rispetto alla concorrenza: “Mia madre” di Nanni Moretti e “Non essere cattivo” di Claudio Caligari. Il nostro orgoglio nazionale è però sicuramente ravvivato da tre nomination in altre importanti categorie, grazie alla storica collaborazione fra Quentin Tarantino e Ennio Morricone (candidato per la migliore colonna sonora, quindici anni dopo “Malèna”) e all’ultimo film di Paolo Sorrentino “Youth – La giovinezza”.

Non è passato inosservato il nuovo lavoro di respiro internazionale del regista napoletano, e si è imposto da subito nella corsa ai premi di questa stagione. Tutti gli attori principali del film sono tuttora sulla bocca di esperti e scommettitori, dal protagonista Michael Caine, passando per Harvey Keitel, Rachel Weisz, Paul Dano e i cinque memorabili minuti di Jane Fonda.

Se ai premi SAG, quelli del sindacato americano degli attori, “Youth” è rimasto a bocca asciutta, ai Golden Globe l’ha spuntata solo Jane Fonda come miglior attrice non protagonista.

La veneranda attrice americana, già due volte premio Oscar, se la dovrà vedere con altre interpretazioni importanti ma non imbattibili, come quella di Jennifer Jason Leigh in “The Hateful Eight” o quella di Alicia Vikander in “Ex Machina” (la Vikander ha addirittura preso un’altra nomination per “The Danish Girl”, stavolta da protagonista); o ancora le interpretazioni biografiche di Helen Mirren in “Trumbo” e di Kate Winslet in “Steve Jobs”.

A sorpresa il film italiano compare anche nella bistrattata categoria delle migliori canzoni originali, con il brano (diegetico) del compositore David Lang “Simple Song #3”. Il brano, cantato da soprano e orchestra nell’ultima, catartica, scena del film, è di fattura decisamente più prestigiosa dalle altre canzoni in gara ai Golden Globes, quindi David Lang farebbe bene a rassegnarsi da subito. I concorrenti infatti sono tutti mostri da hit parade: “See You Again”, da “Fast & Furious 7”, tributo del rapper Wiz Khalifa all’attore scomparso l’anno scorso Paul Walker, il cui videoclip è stato giusto ieri riconosciuto da YouTube come il più visto dell’anno; “Love Me like You Do” di Ellie Goulding tratto da “50 sfumature di grigio” e terzo classificato nella suddetta classifica di YouTube; “One Kind of Love”, la canzone inedita di Brian Wilson dei Beach Boys per la biografia su di lui “Love & Mercy”; e l’immancabile canzone-sigla dell’ultimo film della saga dell’agente 007 “Spectre”, “Writing’s on the Wall” di Sam Smith.

Cosa ci dicono i Golden Globe delle speranze di “Youth” agli Oscar? Una nomination di Jane Fonda è ormai scontata, ma sicuramente la composizione della categoria sarà molto diversa da quella dei Golden Globe; è ancora presto per scommettere sulla vittoria, ma le possibilità sono molto alte.

Quanto agli altri attori, sembra più difficile la candidatura di Michael Caine come miglior attore protagonista, nonostante sia ancora vivamente in lotta: altri meno meritevoli ma più chiacchierati di lui potrebbero soffiargli il posto, come il gigioneggiante Matt Damon di “Sopravvissuto – The Martian” e/o il Johnny Depp di “Black Mass – L’ultimo gangster”.

Il film potrebbe sperare di essere considerato anche in tante categorie tecniche, dalla fotografia alla scenografia e persino alla regia, ma allo stato attuale dei pronostici non sembra un orizzonte raggiungibile. Un minimo più realistica è la possibilità di una nomination per la miglior sceneggiatura originale, ma anche in quel caso consigliamo prudenza nelle scommesse.

Infine: possiamo sognare anche un posto fra i dieci migliori dell’anno? Possiamo sognare quanto ci pare, ma gli esperti ci dicono che non se ne parla proprio.

I sogni dorati di gloria di “Youth” si avvereranno o infrangeranno il 10 gennaio 2016, alla cerimonia di premiazione dei Golden Globes, il 14 gennaio per le nomination agli Oscar, e la notte fra domenica 28 e lunedì 29 febbraio alla cerimonia degli Oscar.

 

Scroll To Top