Home > Recensioni > Zen Circus: La Terza Guerra Mondiale
  • Zen Circus: La Terza Guerra Mondiale

    The Zen Circus

    La Tempesta / Mastermusic

    Data di uscita: 23-09-2016

    Loudvision:
    Lettori:

C’è una generazione che è cresciuta con gli Zen Circus e ricorda il primo ascolto di “Andate tutti affanculo”, l’album che ha segnato l’esplosione del trio folk punk, come una rivoluzione nel modo di guardare la musica indie. Per tale motivo ogni volta che Appino, Ufo e Karim annunciano un nuovo album è sempre una bella notizia. Il titolo è “La Terza Guerra Mondiale”, il loro nono in studio, e prosegue il lungo e stratificato processo di maturazione della band. Del punk rimane l’attitudine e lo stile, come nel singolone “Ilenia”, mentre quella vena folk, ancora viva nelle schitarrate di Appino, si fortifica sempre di più in un cantautorato in continuo divenire, in bilico tra la saggezza dei grandi e quella da bar. Così, gli Zen Circus riescono a raccontare con cinismo, ironia e una nuova nota malinconica la realtà che ci circonda: la xenofobia, le nostre città di merda, la politica, i quartieri più sudici.
Come dimostra anche “L’anima non conta”, il trio che suonava per le strade è cresciuto, come siamo cresciuti anche noi ed è forse per questo che quella rivoluzione è mutata e magari ci sembra un po’ più distante. Ma sicuramente è lì e starà scuotendo altre teste che per la prima volta fanno capolino in questo tendone dal brutto vizio di appiccicarsi alle persone senza lasciarle mai del tutto.

Pro

Contro

Scroll To Top