Home > Recensioni > Maru: Zero Glitter
  • Maru: Zero Glitter

    Bravo Dischi / none

    Data di uscita: 23-11-2018

    Loudvision:
    Lettori:

Bravo dischi ha arruolato una nuova voce da inserire nel vasto catalogo dell’indie-pop italiano mainstream. La voce in questione è quella che si cela dietro il sacco di arance che le nasconde il volto nell’immagine di copertina dell’ultimo album. Lei è Maru, nickname di Maria Barucco, giovane musicista e cantautrice siracusana e l’album in uscita il 23 novembre è intitolato “Zero Glitter”. A distanza di due anni del disco esordiente Maru suggella un contratto con l’etichetta discografica romana mentre passa il testimone al singolo “Giorgia”,  in radio dal 28 settembre.
C’è già chi, ascoltandola, l’ha accomunata alla cantante statunitense LP e non ci stupiamo del perché. Le otto tracce di cui è composto “Zero Glitter” orbitano attorno ai temi comuni della vita e dell’amore, prendendo spunto dal proprio vissuto ma anche dal vissuto degli altri, dalle relazioni col sé e con chi ci circonda. Per la creazione di questo progetto Maru ha disfatto il proprio bagaglio emotivo mettendo su carta le proprie esperienze e le proprie emozioni mettendo in chiaro le cose: per vivere c’è bisogno di star bene con sé stessi e quindi essere sé stessi. Le canzoni sono orecchiabili, lasciano che il ritornello ronzi in testa anche grazie alle immagini ironiche e metaforiche che riemergono dai testi. Ascoltare quest’album riesce quasi ad ingannarci sulla “semplicità” dell’esistenza: se tutto è già così complicato, allora perché renderlo ancora più complicato nascondendo la realtà?

Pro

Contro

Scroll To Top