Home > Recensioni > Zombi: Spirit Animal
  • Zombi: Spirit Animal

    Zombi

    Data di uscita: 09-02-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Il trip dei morti viventi

Gli Zombi sono un duo di Pittsburgh, Pennsylvania, formato da Steve Moore al basso e synth e Anthony Paterra alla batteria. “Spirit Animal” è il loro terzo disco e rappresenta una gran bella sorpresa. Già, perché nonostante il nome ed il contratto con la lobby dell’estremismo, i due si dilettano nel creare magniloquenti quadri di psichedelia progressiva strumentale con notevoli tocchi di epicità. Provate ad immaginare una versione più anni 70, epica, ossessiva ed astrale dei Tarantula Hawk e non sarete lontanissimi dalla verità.

Rispetto ai precedenti dischi gli Zombi aggiungono anche trame di chitarra per arricchire le sonorità e la cosa gli riesce parecchio bene. La title track posta in apertura mette subito in chiaro le cose: atmosfere aperte, spaziose ed epiche sorrette da un notevole muro di suono nonostante una produzione (volutamente?) grezza ma dannatamente efficace nel dare vita e anima ai lunghi brani. I synth generalmente la fanno da padroni costruendo texture poliritmiche che si sovrappongono senza sosta spiazzando ed ipnotizzando l’ascoltatore mentre la batteria a ruota libera sposta gli accenti creando il giusto effetto straniante.

Space rock, progressive, psichedelia ed un alone di Tangerine Dream che ogni tanto fa capolino tra le note sono le linee guida di un disco monolitico, abbastanza lungo ma assolutamente mai noioso, un vero e proprio trip spaziale che potrà tenervi compagnia nei momenti in cui la realtà vi andrà stretta e vorrete fuggire. Consigliatissimo.

Scroll To Top