Monthly Archives: Aprile 2009

Andrew Paul Woodworth: Eddy Ate Dynamite

Quelli che volevano fare le popstar Non è che ci sia nulla di male nel fare pop à la James Blunt/James Morrison/varie-ed-eventuali. In fondo, questo genere di figura va molto ultimamente, anche tra il pubblico generalista di MTV e dintorni. ...

Leggi »

Rossometile: Terrenica

Sanremo prog Lavoro indubbiamente particolare questo secondo album dei Rossometile. La band, con un’esperienza che supera il decennio, si propone infatti di fondere insieme insieme vari elementi tra i quali spiccano su tutti il prog metal moderno, un certo pop/rock ...

Leggi »

Nova Art: Follow Yourself

Dalla Russia con rumore I Nova Art sono un gruppo russo che arriva al fatidico secondo disco con questo “Follow Yourself”. Il gruppo si è già creato un suo seguito, avendo girato per Russia e Ucraina e avendo partecipato all’edizione ...

Leggi »

Majestic Downfall: Temple Of Guilt

Me cala la palpebra… quiero el DOOOOM Un altro interessante debutto per quest’anno è rappresentato dai Majestic Downfall, one man band del messicano Jacobo Còrdova che poi tanto one man band non è visto che la batteria è suonata da ...

Leggi »

Lunacy Box: Lunacy Box

Fruibile intensità I due elementi stilistici che si incontrano nel debut dei Lunacy Box sono la melodia pop e la veste musicale goth rock. È una fotografia piuttosto grandangolare ma condivisibile. L’eponimo album è di facile fruibilità: il gruppo ha ...

Leggi »

Role Models

Bye bye Mr. American Pie Protagonisti di questa storia sono due promotori di una bevanda energetica che girano i licei per convincere i ragazzi a dire NO alla droga; i due sono anche amici da una vita. Un giorno uno ...

Leggi »

The Uninvited

Diffidate delle brave ragazze! Ecco finalmente un horror in cui l’assassino, il cattivo, il mostro, o chi per esso, non è già facilmente individuabile entro i primi dieci minuti. Forse gli appassionati del genere intuiranno subito che c’è qualcosa che ...

Leggi »

David Copperfield

Il gioco sadico dell’ingiustizia “Di tutti i miei libri amo soprattutto David Copperfield. Mi credete certamente se dico che sono l’appassionato genitore di ogni figlio della mia immaginazione, e che nessuno potrà mai amare quella famigliola cosí come la amo ...

Leggi »

Depeche Mode: Sounds Of The Universe

Tutto, ma non “Wrong” Finalmente diamo il benvenuto al dodicesimo album dei maestri del synth, che giunge a quattro anni di distanza dal magnifico “Playing The Angel”. “Sounds Of The Universe” è un disco interessante, sicuramente maturo e molto curato, ...

Leggi »
Scroll To Top