Monthly Archives: Marzo 2011

Blue Dawn: Blue Dawn

Pallidi esordi I Blue Dawn vengono da Genova, sono in attività dal 2009 e fanno per la prima volta capolino sul mercato con questo album omonimo, interamente made in Italy. Propongono un hard rock molto anni ’70 con sonorità cupe ...

Leggi »

Paolo Siani & Friends: Castles, Wings, Stories & Dreams

Progressive per la solidarietà Un lavoro che nasce da una gloria degli anni ’70, Paolo Siani, che per l’occasione ha raccolto un numero impressionante di musicisti di indubbia capacità in un disco che ha richiesto due anni prima di vedere ...

Leggi »

Eveline: Alfa-Omega

Viaggio ai confini dell’universo A dirlo, non ci crederebbe nessuno che gli Eveline sono di Bologna, eppure è proprio così. Come capita spesso hanno avuto molto più successo all’estero, ma di questo non ci meravigliamo più ormai. “Alfa-Omega” è il ...

Leggi »

Jimi Barbiani Band: Back On The Tracks

Parlar bene senza niente da dire Esordio solista per la band del friulano Jimi Barbiani, con un album di blues rock duro dal sapore a stelle e striscie. I lati positivi dell’album stanno nella parte tecnica: eccellente lavoro dei musicisti ...

Leggi »

Graal: Legends Never Die

La vita eterna dell’hard & heavy I romani Graal sfornano un album che ci catapulta nei primi anni ’70, con sonorità marcatamente ispirate all”hard & heavy venato di progressive di gruppi come Deep Purple e Uriah Heep. Gli ingredienti ci ...

Leggi »

Lia Ices: Grown Unknown

Ghiaccio bianco Pensavano fosse un fantasma tornato dall’aldilà e invece si trattava di una giovane musicista statunitense. Dalla pelle candida e forse anche dall’aria un po’ stregata, ma pur sempre un essere umano in carne ed ossa. Pallide. Noi, però, ...

Leggi »

The Cave Singers: No Witch

Figli del grano Resuscitati dalle ceneri dei Pretty Girls Make Graves, i barbuti Pete Quirk, Derek Fudesco e Marty Lund si presentano nuovamente sulle scene per dar vita a un progetto dai toni rurali e agricoli, della serie siamo-di-Seattle-ma-ci-piace-fingerci-del-Sud. Non ...

Leggi »

JoyCut: Ghost Trees Where To Disappear

Esperienza trascendente Pensate a un posto legato a particolari ricordi, d’infanzia o più in là nel tempo che siano: quale sarebbe stata la colonna sonora adibita a sfondo per siffatti frammenti di vita? Il gruppo indie italiano ha già in ...

Leggi »

The Velveteen Dolls: “An End … The Beginning”

Scozia meets Italia La storia ebbe inizio quando Richard Mason, il leader scozzese della band, incontrò a Roma Gabriele Ratti, Stefano Micchia, Maurizio Caldarola e Marcello Lardo: da lì in poi sarebbero stati i Velveteen Dolls, amanti del rock puro ...

Leggi »

Infinity Overture: The Infinite Overture Pt. 1

Sciroppo? Danesi dai nomi impronunciabili, gli Infinity Overture propongono un metal sinfonico di ascendenza power, dove la batteria che pesta duro si contrappone all’energia vocale delle due uniche donne facenti parte della band – oltre agli altri quattro machi, s’intende. ...

Leggi »
Scroll To Top