WE ARE ONE: Il programma del “festival dei festival” in streaming

Correlati

Il festival dei festival “We Are One: A Global Film Festival” ha svelato i film e gli eventi in programma da venerdì 29 maggio a domenica 7 giugno 2020 in streaming gratuito su YouTube all’indirizzo youtube.com/weareone.

L’evento, che servirà anche a raccogliere fondi per l’Organizzazione Mondiale della Sanità, comprende selezioni da decine dei più importanti festival del cinema del mondo, fra cui quelli di Cannes, Berlino e Venezia, e punta a compensare le tante sospensioni e cancellazioni di eventi durante i mesi di lockdown dovuti alla pandemia di coronavirus.

Fra le oltre 100 presentazioni, da 35 diverse nazioni, troviamo 34 lungometraggi (di cui 11 documentari), 71 cortometraggi in 14 programmi, 4 serie tv, 3 webserie, 15 produzioni in realtà virtuale e 16 incontri e interviste con cineasti registrati durante le passate edizioni dei festival partecipanti. Il programma completo è disponibile sul sito ufficiale: www.weareoneglobalfestival.com.

In particolare questi sono i contributi della Mostra del Cinema di Venezia:

  • Electric Swan di Kostantina Kotzamani (Grecia, 2019) – cortometraggio
  • No one left behind di Guillermo Arriaga (Messico, 2019) – cortometraggio
  • The Tears’ Thing di Clemence Posey (Francia, 2019) – cortometraggio
  • Passenger – Venice VR 2019
  • The Waiting Room – Venice VR 2019
  • Bloodless – Venice VR 2017, vincitore del Best VR Story
  • Isle of the Dead – Venice VR 2018, vincitore del Best VR Story
  • On Off – Venice VR 2017, Biennale College
  • Daughters of Chibok – Venice VR 2019, vincitore del Best VR Immersive Linear Story
  • Beautiful Things di Giorgio Ferrero (Italia, 2017) – lungometraggio Biennale College Cinema
  • Mary is Happy, Mary is Happy di Nawapol Thamrongrattanarit (Thailandia, 2013) – lungometraggio Biennale College Cinema

e questi i contributi del Festival di Locarno:

  • L’Excellence Award Conversation tra Song Kang-ho e Bong Joon-ho
  • La conversation tra il Pardo d’onore John Waters e Albert Serra

 

Scroll To Top