Home > Recensioni > AA.VV.: Better Undead Than Alive 2
  • AA.VV.: Better Undead Than Alive 2

    AA.VV.

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Ma quante belle figlie madama Dore’

Per il decimo compleanno, la Code666 decide di far uscire questa raccolta, promettendoci che non sarà il solito insieme di scarti che è d’uso schiaffare nelle compilation. Giurin giurello, i pezzi sono stati pensati e suonati apposta.

Effettivamente nel mucchio ci sono alcuni brani interessanti, ma la continuità dell’album è perennemente disturbata da insignificanti intermezzi strumentali (appositamente?) mal registrati, che probabilmente avrebbero voluto avere lo scopo opposto. Skippandone qualcuno però l’album può diventare un piacevole modo per scoprire o riscoprire gli artisti di questa etichetta che si è sempre contraddistinta per il buon gusto. Preparate foglio e matita per annotare.

Ottimo menu composto da piatti tipici e un po’ di nouvelle cuisine. Potrete far a meno del contorno. Burp.

Pro

Contro

Scroll To Top