Home > Recensioni > Emenél: Border Diary
  • Emenél: Border Diary

    !K7 Records / Egea

    Data di uscita: 12-01-2018

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Nel mondo dell’elettronica sbarca Emenél con il suo album di esordio “Border Diary”, pubblicato il 12 gennaio per Black Seed Records. Moreno Turi (ex frontman degli Steela e membro dei The Sweet Life Society, con alle spalle collaborazioni con gli Africa Unite, Raiz degli Almamegretta e partecipazioni a festival internazionali come il Gastonbury, lo Sziget, l’Eurosonic) torna nella realtà discografica in una veste inedita: quella di solista.

8 sono i brani che compongono il lavoro, di cui una cover di un brano di James Brown (“Man’s World”). 8 brani di “elettronica nera”, come ama definirla lo stesso artista, arricchiti da alcune collaborazioni: Giulietta Passera, Trevor, Victor Kwality. Quanto il background di Emenél pesi su ”Border Diary”, è intuibile fin dal primo ascolto. Tutte le sue esperienze pregresse (sia musicali che di vita), le collaborazioni passate e presenti, confluiscono in questo album. Innanzitutto nelle sonorità, come dimostrano i tocchi di raggae e, più in generale, di musica black. Ma anche nei testi: tornano spesso chiari riferimenti a Nord e Sud, tra cui l’artista si divide. E non è un caso che sia così. “Border Diary” sembra non distaccarsi mai troppo da ciò che è stato, ma anzi, sembra essere il punto di congiunzione tra il passato e il presente di Emenél. È “un diario elaborato al confine tra due mondi”, come lo stesso Turi lo definisce. Quali sono i due mondi di cui parla? La realtà e il pensiero, la vita vissuta e quella osservata. Sono tutte quelle contrapposizioni che qui trovano il modo di convivere pacificamente.

Pro

Contro

Scroll To Top