Home > Recensioni > Fiori Di Cadillac: Fuori Dalla Storia
  • Fiori Di Cadillac: Fuori Dalla Storia

    INRI / none

    Data di uscita: 20-03-2020

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Il 20 marzo è uscito Fuori Dalla Storia, il secondo disco della band salernitana Fiori Di Cadillac, per l’etichetta INRI Torino.

Luigi, Alfonso e Valerio formano i Fiori Di Cadillac nel 2010 e debuttano con l’album Cartoline nel 2013, un esordio che li ha visti impegnati a calcare i palchi di numerosi festival negli anni a seguire. Sei anni dopo la band firma con INRI Torino e rilascia il loro secondo progetto composto da 9 tracce, tra cui i singoli Grigio Fucile, Old Gennaio e Martini. Fuori Dalla Storia si porta dentro un macigno di sentimenti generazionali tipicamente pop. Un pianoforte, una chitarra e una batteria filtrati attraverso suoni sintetizzati servono per esorcizzare queste sensazioni e metterle a nudo. La copertina dell’album si fa preview del contenuto delle canzoni e porta inevitabilmente al paragonare la statua in fiamme alle angosce della nostra generazione. Ne è un esempio Grigio Fucile, il cui video è uscito lo scorso ottobre, che si fa portavoce del manifesto della diversità propagandando per la denudazione, l’esaltazione e l’accettazione della stessa. Fuori Dalla Storia parla ai giovani che vivono quest’era di indecisione e di caducità, dove tutto è messo in discussione, soprattutto l’amore e le relazioni. I Fiori Di Cadillac raccontano storie, percorsi ed emozioni che non vogliono essere collocate in nessun posto, in nessun tempo. E’ qui che i pensieri e la musica vogliono rimanere: estirpati dal presente, fuori dalla storia.

Pro

Contro

Scroll To Top