Home > Interviste > Fulminacci a Sanremo 2021: l’enfant prodige della musica indipendente italiana

Fulminacci a Sanremo 2021: l’enfant prodige della musica indipendente italiana

Correlati

Se dovessi dare un nome ad un artista capace di coniugare perfettamente un linguaggio estremamente semplice quanto  strettamente personale, sarebbe senza alcun dubbio quello di Filippo Uttinacci.

Fulminacci torna sul palco dell’Ariston, lo stesso che lo ha visto vincitore del Premio Tenco per la categoria Opera Prima con La Vita Veramente. Un ritorno che lo vede per la prima volta in gara al 71 esimo Festival di Sanremo tra Campioni con il brano SANTA MARINELLA.

Sotto la produzione artistica di Tommaso Colliva e diretto dal Maestro Rodrigo D’Erasmo, Fulminacci, noto per essere tra i cantautori più interessanti delle nuova scena italiana, sceglie di raccontare la storia d’amore di un suo amico e di far respirare la salsedine e l’aria di mare di Santa Marinella.

Nella serata dedicata alle cover, ad accompagnarlo sul palco,  ci saranno Valerio Lundini e Roy Paci che interpreteranno insieme al giovane cantautore romano una singolarissima versione di Penso Positivo. 

Non posso ancora svelare cosa succederà sul palco ma sono molto felice di poter avere accanto due artisti che rispetto molto. Valerio Lundini è per me uno dei più grandi intellettuali del nostro tempo e Roy Paci è riuscito a fare la storia della musica italiana senza mai snaturarsi.”

racconta Filippo. 

In questi due anni ho scritto tante cose diverse, ho creduto di essere tante cose, ho perso tempo a vedermi da fuori senza vivere veramente il presente. Poi escono le canzoni, ci sono i concerti, le persone, Sanremo. Dicono che sono giovane, dicono che sembro vecchio. Non ho ancora capito quale dei due è il complimento ma sono felice perché sto facendo semplicemente quello che mi piace”

Decisamente lontana da SANTA MARINELLA, la scelta della cover conferma ancora una volta la versatilità del giovane artista pronto ancora una volta a stupirci con quella leggerezza e quella profondità che contraddistingue la sua musica.

Si perché a Fulminacci stupire riesce proprio bene. Lo conferma l’uscita dei singoli “Un fatto tuo personale” e “Canguro  che entreranno a far parte del nuovo album TANTE CARE COSE, in uscita su tutte le piattaforme dal prossimo 12 Marzo. 

La copertina è stata realizzata sull’idea dello stesso team che ha curato le immagini del tour e del disco precedente.

Come sarebbero i computer se suonassero le canzoni di Fulminacci? Attraverso l’utilizzo di software e tools che usano metodi di machine learning conosciuti come “generative adversarial network” sono nate opere totalmente nuove che la mente umana non è in grado di concepire.

Insomma, nella copertina ognuno è libero di vederci qualcosa, così come nelle canzoni,  fluire una foto come una canzone, vederci la propria storia o quella degli altri.

Fulminacci parla di amori e rincorse, di tangenziali e sentimenti, sigarette, ascensori e semafori, racconta la vita così com’è veramente con il talento e la sensibilità di un artista libero dalle convenzioni e dalle mode musicali del momento.

Con gli occhi aperti verso il mondo, Fulminacci promette di diventare l’enfant prodige della musica indipendente attuale.

Scroll To Top