Home > Recensioni > /Handlogic: EP Remixes
  • /Handlogic: EP Remixes

    Autoprodotto / none

    Data di uscita: 12-10-2018

    Loudvision:
    Lettori:

Solitamente se si dovesse porre un progetto sotto l’egida del “pop elettronico”, si tenderebbe inevitabilmente a pensare che in ciò che si ascolterà non ci sia nulla di nuovo o di “alternativo”. Se però con alternativo intendiamo qualcosa d’altro rispetto alla sterile moda dell’andare controcorrente, gli /Handlogic dimostrano di esserlo di certo, anche solo a un primo ascolto.
Questa è l’impressione che si ha ascoltando le 11 tracce di EP Remixes, album autoprodotto in uscita il 12 ottobre 2018.

Il disco risulta fluido e omogeneo all’ascolto nonostante la grande varietà di artisti coinvolti nella fase di remix, si notano inoltre alcune analogie con artisti come James Blake, Alt-J, Enigma e altri del panorama internazionale di riferimento.
Questo tipo di approccio al pop (che prende le basi dai beat dell’hip-hop da una parte, e il canto melodico tipico del pop anni 00 dall’altra) si è sviluppato dal 2010 in poi circa.
Gli /Handlogic nelle tracce del disco esplorano a fondo le possibilità che questo approccio musicale offre, riuscendo però ad uscire svariate volte fuori dagli schemi e sfociando anche in sonorità etniche, senza però perdere la matrice compositiva del panorama di riferimento.
Questo grazie anche alla grande varietà di artisti coinvolti in fase di remix, elemento da non sottovalutare se si considera l’obiettivo principale del gruppo, cioè quello di fare in modo che i brani abbiano il tocco personale di coloro che di volta in volta mixano i brani.

Con questo album gli /Handlogic risultano essere una buona “alternativa” nel panorama italiano del genere di riferimento, popolato spesso da produzioni poco raffinate, figlie dell’era digitale e della superficialità che spesso ne deriva.

di Carlo Capretta

Pro

Contro

Scroll To Top