Home > Recensioni > Hide Vincent: The House Marring
  • Hide Vincent: The House Marring

    IMR Records / none

    Data di uscita: 11-01-2019

    Loudvision:
    Lettori:

Ci sono canzoni che non sono semplici canzoni. Risvegliano ricordi ed emozioni che credevi ormai sepolti. Metti le cuffie, premi play e ti ritrovi catapultato in un’altra dimensione.

È il caso di “The House Marring”, l’EP di  Hide Vincent, per gli amici Mario Perna, in italiano “deturpare la casa”. Autodistruggersi quindi, distruggere la propria dimora, le proprie sicurezze, il proprio luogo sicuro. Hide Vincent ci prende per mano e ci accompagna in un luogo in cui le prese di coscienza incontrano e si scontrano con le paure che attanagliano tutti noi, ma di cui quasi nessuno parla mai.

Possiamo essere i nostri migliori amici, ma anche i nostri peggior nemici. Del resto si sa, ognuno è l’artefice del proprio destino, ognuno è in grado di scegliere se, come e quando essere felice. Possiamo sempre decidere di ripartire da zero, abbattere tutto ciò che ci circonda e di ricominciare a costruire tutto d’accapo. Questo diventa il fulcro dell’EP.

Hide Vincent, alle prese qui con il suo secondo lavoro, dopo l’omonimo album di esordio pubblicato nel 2017, dimostra ancora una volta di avere un’innata qualità: sa arrivare dritto al cuore. Senza troppi giri di parole. Non ha bisogno di forti acuti per essere ascoltato e ricordato. Sa emozionare sempre e comunque. E non si accontenta di toccare chi ascolta… Ha la (sanissima) presunzione di scavare di profondità. La sua musica nasce da una vera e propria esigenza, quella di essere ascoltato e compreso… E si sente. E va più che bene così. D’altronde, la musica è bella finchè coinvolge.

Pro

Contro

Scroll To Top