Home > Report Live > IAMX in concerto al Legend Club di Milano, report live e scaletta

IAMX in concerto al Legend Club di Milano, report live e scaletta

Correlati

Il 22 febbraio 2019 IAMX si è esibito al Legend Club di Milano. Lo show è una delle tappe del tour Mile Deep Hollow che porterà l’artista di Middlesbrough prima in Europa e poi in Nord America.

La location è piccola ed industriale, appena entrati veniamo salutati delle luci azzurre e piuttosto ostili e un po’ di musica elettronica che crea l’atmosfera prima dello show. IAMX, come al solito, si esibisce senza gruppo spalla.

Chris Corner, perché è questo il vero nome del performer e multistrumentista inglese, si presenta sul palco pochi minuti dopo le 21:30 vestito all black, con dei pantaloni attillatissimi, giacca aperta sul davanti, guanti e copricapo con borchie e piume. Tutto molto teatrale, anche il trucco a base del ombretto nero e glitter argentato. Anche la band che accompagna l’artista per i live non è da meno – il batterista Jon Siren con capelli lunghi ed a petto nudo, Sammi Doll e Janine Gezang (tastiere e voci di supporto) con tanto di attitude punk e molto meno dei vestiti. Chris saluta il pubblico con un “Ciao belli!” e inizia il concerto con Alive in New Light.

Le luci cambiano continuamente colore, le immagini ipnotizzanti si susseguono sul telo dietro la band. Per “I Come With Knives”, Chris porta sul palco due scudi riflettenti per indirizzare le luci verso le due tastieriste che cantano (in tedesco) il ritornello del brano tanto ipnotizzante quanto inquietante.

Gli spazi del Legend Club sono pieni, in prima fila il fedele fanclub dell’artista ricoperto come lui stesso di nero e di glitter che durante “North Star” lancia verso il palco manciate dei coriandoli argentati a forma di stelle. Il pubblico ondeggia, salta, applaude, urla e canta come un unico organismo vivo che non farà scendere facilmente dal palco l’artista e la sua band.

IAMX alterna i momenti più nostalgici come “I Am Terrified” con quelli pieni di energia rock come “After Every Party I Die” o “The Alternative”. Non parla molto ma è sempre molto vicino al pubblico. Bisogna avere tanto carisma per presentarsi così come lo fa Corner, soprattutto compiuti 45 anni. Androgino e magrissimo, dietro la sua console addobbata con sculture delle mani, armato di due microfoni è allo stesso tempo sottilmente kitsch e più punk di tanti giovincelli.

La seconda star della serata è, senza dubbio, Janine Gezang, la bassista e tastierista americana che in qualche modo anche con la testa rasata quasi a zero ed il trucco sbavato riesce ad essere sexy ed allo stesso tempo non volgare, anche stando sul palco in un choker, un top senza maniche e delle mutande.

Ovviamente il pubblico non lascia andare via Chris e la sua band facilmente. Dopo pochi minuti di attesa tra applausi e urla tutti e quattro rientrano sul palco per altri quattro brani.

Prima della seconda parte del bis, annunciando “The Power and the Glory” Corner si rivolge al pubblico con un piccolo appello – tra i vari gadget che dopo concerto troveremo in vendita sul suo banchetto ci sarà una maglietta fatta in collaborazione con You Rock Foundation, una fondazione che ha come scopo attirare l’attenzione ai problemi legati alla salute mentale – una causa cara anche ad IAMX stesso che per anni ha combattuto contro la depressione e insonnia.

Conclude il tutto “Mercy” e dopo oltre un’ora e mezza dello spettacolo le luci del Legend Club si spengono e noi andiamo a casa soddisfatti e forse anche un po’ più melancolici di prima…

La Scaletta del concerto di IAMX a Milano :

1. Alive in New Light

2. No Maker Made Me

3. Bring Me Back a Dog

4. Happiness

5. I Come With Knives

6. Exit

7. I Am Terrified

8. Sorrow

9. North Star

10. After Every Party I Die

11. Spit It Out

Encore 1:

12. Mile Deep Hollow

13. The Alternative

Encore 2:

14. The Power and the Glory

15. Mercy

Scroll To Top