Home > Recensioni > June 1974: Devotion
  • June 1974: Devotion

    June 1974

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Musa stacanovista

Vorremo avere tutti la stessa musa creativa che contraddistingue Federico Romano, in arte June 1974. La nostra memoria più corta ci suggerisce di ricordare “Artestetica” e “Storia”, registrazioni uscite di recente ma che non hanno impedito di sfornare l’ennesimo lavoro in studio intitolato “Devotion”

Tralasciando per un momento i suoni elettronici, Federico torna a governare le nostre emozioni con pianoforte e voci al femminile che scaldano l’animo dell’ascoltatore.

Sei track cresciute con l’intento di meravigliare, al di fuori di ogni regola attuale musicale: June 1974 ancora una volta rompe gli argini degli schemi pubblicando musica fuori da ogni tempo.

Oltre a sfornare CD come un indemoniato ricordiamo che Federico Romano è anche uno scritttore. A questo punto invochiamo a gran voce che da parte sua inizi una carriera anche come regista visto che non c’è il due senza il tre.

“Devotion” è ancora una volta la dimostrazione di una ricerca musicale che si aggira tra immagini visive e sogni lucidi. A precedere l’uscita di questo EP sono stati pubblicati quindici singoli che potete ascoltare online sul sito del gruppo.
Federico prenditi una vacanza.

Pro

Contro

Scroll To Top