Home > Recensioni > The Yellow: Streets of Tokyo
  • The Yellow: Streets of Tokyo

    La Lumaca Dischi / none

    Data di uscita: 11-10-2019

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

La band pugliese, in attività dal 2012 e composta da Gianluca “Foster” Damiani (voce, chitarre acustiche, piano, programming), Francesco Andrea Loiacono (chitarre elettriche, programming), Lele Diana (batteria e percussioni) è uscita l’11 Ottobre con questo secondo album, Streets of Tokyo (La Lumaca Dischi).

Ad anticiparne l’uscita, è il singolo Until the day, con un videoclip dal deciso impatto visivo: io e l’altro, il duello dei sentimenti, le incomprensioni che ci fanno sanguinare e alla fine il ritrovarsi; Un brano positivo, come il resto dell’album composto da ben 12 tracce (di cui l’ultima strumentale), cosa insolita rispetto alle tendenze attuali più orientate verso EP di pochi brani. La band lo descrive quasi come un concept che racconta un percorso di rinascita in cui tutti possiamo identificarci, dalla caduta di fronte agli ostacoli, alla rinascita attraverso il cambiamento. Le strade di Tokyo in copertina più che delle strade reali sono un luogo interiore, del cuore, che infatti emerge prepotente dal reticolo delle vie.

Rispetto LOL-A-BYE del 2013, caratterizzato da un sound istintivo, quasi acustico, l’ultimo lavoro dei The Yellow, seppur con una ancora presente base pop rock dalle reminescenze british, abbraccia sonorità spiccatamente più elettroniche. Questa evoluzione è il frutto delle numerose collaborazioni ed esperienze esterne (per citarne alcuni: Tiromancino, Brunori SAS, La Fame di Camilla, il produttore Fabrizio Barbacci) che da sempre i membri portano avanti e che negli ultimi due anni hanno permesso loro di scoprire nuovi mondi musicali. Tutti i brani di Streets of Tokyo sono in inglese, prevalentemente per esigenze di suono, ma per il gruppo è anche un auspicio affinché il panorama italiano possa adottare una mentalità più aperta e internazionale.

di Carlo Capretta

Pro

Contro

Scroll To Top